25 Ottobre 2015

Agricoltura sociale in Lombardia - la Scuola Agraria aderisce al progetto

Tradizione e innovazione per il lavoro e l’impresa in agricoltura

Il progetto unisce sostenibilità ambientale, km zero e inserimento lavorativo di 1400 persone, in una rete che coinvolge 7 province e 54 realtà agricolo-sociali lombarde.

Un nuovo modello di sviluppo sostenibile che coniuga agricoltura e inclusione di soggetti con disabilità o in situazione di difficoltà, e che ha già messo in rete 54 realtà agricolo-sociali di 7 province lombarde: il workshop del 27 maggio 2015 parlava infatti di “AGRICOLTURA SOCIALE LOMBARDIA. Tradizione e innovazione per il lavoro e l’impresa in agricoltura”, presentato nella prestigiosa cornice di CASCINA TRIULZA - EXPO Milano.

Un progetto nato su proposta delle istituzioni locali:

«La Provincia di Mantova è l’ente capofila che si è fatto promotore dell’iniziativa, ma il valore del progetto sta nella partnership creata con le Province di Bergamo, Como, Lecco, Lodi, Milano e Monza Brianza, e naturalmente con la Regione, che oggi ha un ruolo di coordinamento e cofinanziamento. Il costo complessivo del progetto, la cui conclusione è prevista per dicembre 2015, è di 378mila euro, finanziato con quote della Regione Lombardia e dalle province aderenti» - Gianni Petterlini, Direttore Generale della Provincia di Mantova e Responsabile di progetto.

“Il territorio lombardo è primo in Italia per l'agricoltura ma vogliamo che lo sia anche per la capacità di rispondere alle esigenze di inclusione sociale”. Le parole di Valentina Aprea, Assessore regionale all’Istruzione, sottolineano il sostegno della Regione Lombardia. Anche Gianni Fava, Assessore all’Agricoltura, evidenzia la volontà di sostenere ulteriormente queste attività inserendole nel Piano di Sviluppo Rurale.

Le imprese coinvolte sono sia cooperative sociali che hanno scelto di avviare sperimentazioni professionali legate all’agricoltura per offrire nuove opportunità ai propri ospiti, sia aziende agricole che si sono aperte a iniziative sociali coinvolgendo direttamente soggetti a rischio emarginazione. Agricoltura Sociale Lombardia nasce infatti per sviluppare e promuovere nel territorio lombardo un modello pensato per implementare l’inclusione socio-lavorativa di persone con disabilità (psichica, intellettiva, fisica) ma anche in situazioni di difficoltà (tossicodipendenza, detenzione, minori a rischio, vittime di violenza), per rispondere in modo concreto ed efficace anche alle nuove emergenze sociali. Un’opportunità per garantire loro esperienze formative e professionalizzanti, valorizzando le capacità individuali e aumentando il grado di autonomia, fornendo al contempo gli strumenti per poter ottenere maggiori opportunità lavorative future.

Inoltre, la maggioranza delle realtà agricolo-sociali coinvolte ha anche avviato una produzione biologica basata sul principio del Km 0: l’unione tra prodotto di qualità e il forte valore etico porta, quindi, a un progetto ad alto impatto positivo sul territorio, garantendo tutela ambientale e nuovi modelli sociali

«In questa prima fase abbiamo già operato una mappatura delle 54 realtà attualmente coinvolte, delle quali il 63% sono cooperative. Dei 1411 addetti operanti oggi all’interno di Agricoltura Sociale Lombardia, ben 255 siano persone con disabilità e 166 in condizioni di disagio. Emerge quindi quanto questo progetto offra l’opportunità, nel condurre attività prettamente agricole e produttivamente sostenibili, di formazione professionale, orientamento o vero e proprio inserimento lavorativo a soggetti che altrimenti avrebbero poche occasioni di accedere al mercato del lavoro» - Andrea Poltronieri, Direttore di progetto - FOR.MA (Azienda Speciale della Provincia di Mantova – Formazione Mantova).

Un altro punto di forza del progetto è che le imprese coinvolte investono comunque sia nella qualità sia nell’attenzione al mercato e ai consumatori, pur inglobando nella produzione persone con disabilità o in situazione di difficoltà, che diventano quindi un valore aggiunto. Allevamento di animali, coltivazione di piante, produzione di pane, tutti ambiti con un contatto diretto con il consumatore, nel quale sono richiesti standard elevati, nella produzione ma anche nella presentazione e nel rapporto con l’acquirente, che sono garantiti restituendo la massima dignità a tutti i lavoratori coinvolti.

Un progetto che è quindi assolutamente affine ai valori proposti dall’Esposizione Universale, “Nutrire il pianeta” e “Energia per la vita”. Per questo motivo, anche dal 28 settembre al 4 ottobre 2015, stand, workshop e momenti di confronto tra le realtà in rete comunicheranno con un’unica voce un modello auto-sostenibile, rispettoso del pianeta e capace di valorizzare i suoi prodotti di qualità e biologici.

Agricoltura Sociale Lombardia è un progetto patrocinato da Regione Lombardia ed è promosso dalle Province di Bergamo, Como, Lecco, Lodi, Mantova, Milano e Monza Brianza.

INFO:

www.agricolturasocialelombardia.it - info@agricolturasocialelombardia.it

Facebook: Agricoltura Sociale Lombardia

Twitter: @AS_Lombardia - #agricolturasocialelombardia

Corsi

Sponsor

Newsletter

Desideri essere sempre aggiornato con le iniziative della scuola? Iscriviti alla nostra newsletter, e sarai sempre informato.
AVVERTENZA. DLGS 196/2003. Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono o da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in internet, da dove sono stati prelevati.