Potatura della vite secondo il metodo francese Guyot - Poussard

Sede di riferimento
Area Formativa
Periodo
Dal 26/02/2019 al 26/02/2019
Durata
8 ore

La potatura della vite secondo il metodo Guyot - Poussard, nel rispetto dei flussi di linfa, è una tecnica nata in Francia negli anni 20 ed è stata recentemente diffusa in gran scala in varie regioni viticole europee. La tecnica permette di ridurre l’effetto di malattie del legno come il mal dell’esca e permette di allungare di molto la durata della pianta di vite, in quanto gli effetti di ferite da potatura sono ridotti.

ISCRIZIONE ONLINE

Nota: Utilizziamo il sistema WiredExperience per le registrazioni online, oppure clicca sul link per scaricare la Scheda di iscrizione da inviare via mail o via fax.

Docenti

Stefano Piccoli, di professione viticoltore, parlerà delle sue esperienze nel seguire questo vecchio metodo di potatura.

Dopo aver acquistato il libro di Reneé Lafon, ha deciso di partecipare a un corso di potatura nel Beaujolais diretto da François Dal (forse il massimo esperto di potature della vite in Francia).

Il docente ha partecipato alle giornate di potatura dell'alberello in Svizzera nel cantone del Valais. Inoltre è stato ospite al SICAVAC di Sancerre (primo ente a riscoprire il metodo di potatura a Guyot di Poussard.

Da precisare che il metodo prende spunto dal trattato sul deperimento della vite, stilato da Reinhold Dezeimeris nel 1891. 

 

Note

Segnaliamo che le date dei corsi possono subire modifiche e che i corsi verranno avviati solo al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

E' disponibile un servizio di ristorazione presso il Ristorante Cascina Frutteto, non incluso nella quota corso.

Quota
190 €

Corsi

Sponsor

Newsletter

Desideri essere sempre aggiornato con le iniziative della scuola? Iscriviti alla nostra newsletter, e sarai sempre informato.
AVVERTENZA. DLGS 196/2003. Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono o da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in internet, da dove sono stati prelevati.